Righe quadri e pois

Qui scriverò di cose varie, così come le avrò osservate o vissute.

Da dove inizio? Questa è la prima domanda che mi faccio, ogni mattina. Devo intanto decidere se cedere alla basica pigrizia (sono nata di domenica a colazione) che mi porto dietro da sempre, o alla voglia di fare tante cose, che pure non mi manca.

In mezzo il senso del dovere, che dice più o meno così: “Scorda di poter stare seduta a non far niente e scorda di poter fare solo quello che ti piace, perché ti tengo d’occhio.”

Avete capito?

Così, dopo colazione e tg, è tempo di mettere a posto varie cose “dimenticate” qua e là per casa. Chiudere cassetti e armadi, spolverare, rifare i letti, caricare la lavatrice. Stendere il bucato con un occhio alla biancheria, e un altro ai gechi che popolano il giardino condominiale e mi degnano della loro presenza, salendo sul mio balcone.

Mi ricordo che, anni fa, una persona della mia famiglia, che non nominerò, si tolse la camicia rosa e la lanciò sul monitor del computer. Era un venerdì sera, e non mi preoccupai della cosa, poiché ero certa che avrebbe acceso il computer e liberato il monitor-servomuto. Andò diversamente. Sì, perché accese un altro computer. All’epoca in casa mia ce n’erano ben 5. Così, per tutto il fine settimana fui certa che la camicia (prima o poi) sarebbe stata messa in lavatrice, e invece il lunedì mattina la misi io. Questo avviene un po’ per tutti gli oggetti che si prendono, si usano e si lasciano lì dove sono serviti. Moltiplicate per il numero medio di una famiglia e ditemi voi. Una babilonia.

Anni fa mi consolavo guardando le riviste di arredamento, dove magicamente monolocali lillipuziani potevano contenere un sacco di roba ben organizzata e ordinata. Io poi, riconosco di avere il senso dell’organizzazione e della pianificazione, eppure il risultato non è mai soddisfacente e non è mai duraturo. Alla fine, quelle riviste, ho smesso di comprarle.

Anche ora, mentre scrivo, ci sono cose intorno a me fuori posto, e anche se le fisso minacciosa, non si spostano. Sanno che alla fine cederò e le sposterò io. Poi, anche per il mio lavoro di antiquaria, ho la tendenza a conservare e quindi il rischio di cadere in quella terra di mezzo che è “manca poco al caos”, è prossimo. Quindi, ordine e disordine, cosa sono? Mi sono documentata: l’ordine è la nostra idea personale di sistemazione degli oggetti nello spazio a disposizione. Non è detto che debba essere uguale per tutti e sempre uguale a se stesso; il disordine è l’invasione degli spazi altrui.

E con questo tentativo di spiegare la differenza, vi saluto anche perché ho da mettere a posto un po’ di cose. Poi, un giorno metterò a posto un po’ di persone. Senza fretta

0 commento
1 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

Spunta dal buio, con il suo mantello nero, il cavallo nero e il viso basso. Non desidera parlare e non vuole che gli si parli, così ha lo sguardo rivolto dove non c’è nessuno. E’ il cavaliere nero, ma non uno qualsiasi. E’ il mio. Può darsi che ogni donna abbia il suo. Il mio non assomiglia a nessun altro.

Vive in una città antica, vecchia e giovane; grandissima e verdissima, tagliata in due dal fiume “sacro ai destini di Roma”. E’ molto alto e se cammino qualche passo avanti a lui, invece che accanto, allunga la mano e la poggia sulla mia spalla, perché niente deve sfuggire al suo controllo. Le sue idee sono forti, si batte per esse e si arrabbia se qualcuno le contesta. Se è di buonumore, è molto socievole e nessuno direbbe che sia timido, e invece sì. Dice che preferisce leggere in estate, ma per suonare il basso o la chitarra ogni stagione è giusta. Se urla è come Giove Tonante, ma quando ride è contagioso. Quando mi fa arrabbiare, la sua risata mi basta per perdonarlo (io non lo faccio arrabbiare mai).

Si sveglia che il sole c’è già, ma gli piace rubare dei minuti alla mattina. Poi si alza, e una cascata di acqua tiepida lo sveglia del tutto. Quando si sente fresco e pulito, mi bacia. Intanto la tavola è pronta per la colazione e gli piace la varietà. Poi sella il cavallo e parte per le sue missioni. Tra lui e il suo cavallo c’è un accordo: se non gli imporrà l’andatura, non sarà disarcionato. In queste sue missioni spesso ha un vessillo. Fa parte del suo Credo. Quando incontra altri cavalieri è gentile e camerata; premuroso con le dame e loro con lui, direi un po’ svenevoli con lui.

Tra un fatto e un altro manda il suo falco da me, con poche righe su un rotolo di carta e il falco non riparte fino a quando non ho scritto una risposta. Succede molte volte, per tutto il giorno. Povero falco. Ad un certo punto della giornata, inizia ad avere fame ma mangia poco e male. Non ha tempo, lui e il suo cavallo corrono sempre fino al tramonto.

Poi si ferma, ma non smette di chiedersi se abbia fatto tutto quello che poteva e doveva e con questo pensiero torna al castello. E’ molto stanco ma sa come ricaricarsi. La musica è la soluzione, perché è sua complice da sempre e ascoltarla lo rinfranca. Anche suonarla lo rinfranca. Poi ci sono altre cose a cui non rinuncia. Tipo guardare due compagnie che corrono incontro a un pallone e se lo contendono, se lo rubano, anche provocando capitomboli e cadute degli avversari e vince chi, tirandolo, centra una porta fatta di rete. Se non vince la compagnia del cuore, vi consiglio di stargli lontano abbastanza da non essere investiti dai suoi dardi!

Dal castello vede la sua città e si commuove, perché è bellissima e perché è maltrattata. Dice che se ne andrebbe per non vederla sfiorire, ma sa bene che non lo farà. E poi ci sono io. E può bastare.

0 commento
1 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

L’altro giorno, pensavo al verbo “credere” e l’ho appuntato sul quaderno del blog, giusto per avere una composizione mentale di ciò che poi avrei scritto. Se ci penso, non è facile tradurre in scrittura cosa significhi, perché credere non è una azione e basta, ma è un processo, anzi è l’atto finale. E se si riflette, è un termine poco usato, perché è molto impegnativo. Comporta comprensione, empatia e fiducia. Si comincia da neonati, quando l’odore della pelle di nostra madre ci rassicura, visto che tutto intorno è sfuocato. Poi, e non è secondario, il contatto con nostro padre. Non siamo ancora consapevoli, ma già crediamo. E andiamo incontro ad ogni singola tappa della nostra crescita.

Poi arriva la scuola, e conosciamo una nuova forma di credere, cioè credere in un insegnante, che è un adulto con cui passeremo parte della giornata ma estraneo alla famiglia, credere nel suo lavoro, e che ciò che insegna sia giusto e che lo stia facendo con passione. Nel frattempo, accanto a queste certezze si accostano anche le esperienze giovanili con le loro novità: politica, religione, amicizia, amore e la squadra del cuore.

Sono tutti campi che ci accompagnano per la vita e che toccano il lavoro così come la salute, per i quali esultare e soffrire vanno di pari passo, ma l’essenza è sempre molto profonda, perché quando crediamo fortemente, non siamo disposti a rischiare la delusione e se accade, ci ritroviamo a fare i conti con noi stessi divisi in due: da una parte la rabbia e dall’altra il credo. Ma come ho scritto sopra, credere è un traguardo, e per arrivarci è necessario farsi attraversare dal dubbio. Il percorso è complicato, e anche la fede più pura può pencolare, ma il dubbio e la paura di sbagliare rispondono alla funzione di rendere più forte e solido, alla fine di tutto, il nostro credo.

E, se per caso, una nuova idea dovesse presentarsi a noi? Saremmo per questo volubili o incoerenti? O peggio, opportunisti? Ciascuno risponderà di sé, perché onestà e sincerità son il primo dovere verso se stessi, e basterà tendere l’orecchio. Giusto?

0 commento
3 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

La minigonna è nata ufficialmente nel 1963, ma già a metà degli anni ’50 c’era stato qualche tentativo di presentarla alle donne.

La titolare di questa invenzione è stata Mary Quant, stilista inglese molto innovativa. L’idea era quella di liberare il mondo femminile, almeno quello più giovane, da regole rigoriste considerate fuori tempo, dal movimento femminista. Personalmente non mi è mai piaciuta molto; anche a 20 anni, indossavo gonne che scoprivano il ginocchio e non oltre, e bastava così. Ammiro chi la porta con disinvoltura, ma il punto è proprio questo: qualsiasi cosa indossiamo, se “si incastra bene” con noi, vuol dire che è giusta, e la minigonna non si è mai incastrata con me. Però è una cosa piccola e quindi è carina ed è una cosa che pur essendo piccola ha avuto e ha ancora potere.

La zanzara. Credo abba il primato negativo del potere delle cose piccole. Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama, si è scomodato a confezionare persino un aforisma su questo insetto anti-riposo: “Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a dormire con una zanzara”.

Specchio da borsetta. Questa è una cosa da donne (e anche da chi vorrebbe esserlo), direi irrinunciabile. Non occupa spazio, torna utile nelle giornate in cui trascorriamo molte ore fuori casa e se si rendesse necessario improvvisarsi investigatrici, diventerebbe un congegno potente.

Matita. Ho scoperto di recente che mi piacciono più delle penne. Quando andavo a scuola, sentivo le mie compagne di classe (non prestate troppa attenzione alla parola compagne…) dire “Preferisco la penna nera” “No, io la penna blu”. Io non ho mai avuto preferenze per l’uno o l’altro colore di inchiostro, anche perché essendo mancina, la mano scorre sullo scritto, il mignolo si tinge, il foglio si macchia e il risultato è sciatto, e questo a prescindere dal colore. La matita è ideale per chi ama il legno e può essere prodotta in una infinità di colori.

Orecchini. Io sono piccola e quindi mi si addicono orecchini piccoli. Ovviamente le dimensioni non influiscono sulla capacità di dare luce al volto, anche se poi è idea diffusa che un bel sorriso sia la luce migliore. Ma gli orecchini, specie le perle, ma anche di acquamarina o brillanti, hanno il potere di ingentilire e distendere qualsiasi volto. Non credete?

Anello. Termino con l’oggetto piccolo per eccellenza. Quello con maggior significato. Quello a cui non resiste (scommetto un gelato al caffè con doppia panna) nemmeno la più disincantata delle creature. Alla mano sinistra. E che è una promessa.

0 commento
3 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

Le relazioni a responsabilità limitata, sono quelle relazioni in cui le persone coinvolte rispondono solo nei limiti e obblighi stabiliti dai contesti.

A scuola, tra docenti e discenti, c’è un rapporto che nella stragrande maggioranza dei casi nasce e si consuma nel periodo scolastico. È fatto di buona educazione, rispetto per i ruoli, piacere o meno per la materia, verifiche scritte e interrogazioni, successi o delusioni. Fra studenti simpatie, antipatie, cotte passeggere, amori duraturi oppure insignificante convivenza di classe che, anche in questo caso, si tramuta in perdita completa dei contatti a scuola finita.

Sul lavoro non cambia molto. In alcuni ambienti lavorativi, la comunicazione e la partecipazione fra colleghi, sono veramente circoscritte alle ore di lavoro, e poi il silenzio.

Poi ci sono le relazioni amorose a responsabilità limitata. Sono relazioni fra due persone che stabiliscono dei confini entro i quali muoversi e da non superare. Sono governate da sentimenti tiepidi e tanto amore per se stessi e per la propria libertà. Perché, è vero che ad alcune persone il coinvolgimento spaventa e quasi toglie il respiro. Di conseguenza, si rimane in superficie e si procede fino alla noia, solitamente reciproca.

Per finire, le storie a responsabilità limitata con tre o a quattro personaggi.

Nella prima versione, solitamente uno dei tre è all’oscuro che la coppia è diventata un trio. Nel frattempo gli altri due vivono una storia di passione o di amore o di entrambi gli aspetti e per mesi, tutto sembra quasi facile o almeno possibile.

Poi arrivano le feste comandate e uno dei due deve accontentarsi di una telefonata o di messaggi, magari tanti ma solo quelli. Poi arriva l’estate e quello o quella dei due che ha ancora la fede al dito, deve fare un programma ferie che, dopo aver studiato tempi e modi, preveda sia una vacanza con il coniuge che una vacanza con l’amante. E si va avanti così fino a quando l’amante, esaurita la pazienza, chiede di più (che poi sarebbe banalmente una relazione alla luce del sole); potrebbe ottenere quello che chiede, ma il punto è che purtroppo lo deve chiedere, perché altrimenti non lo avrebbe presumibilmente mai.

E poi c’è la situazione più mesta di tutte. Marito e moglie che non si amano più, forse non si sono mai amati ed entrambi hanno vite parallele con storie d’amore importanti, stabili e solide in cui credono veramente, ma più importante di tutto c’è la necessità di salvare le apparenze con genitori, figli e colleghi (nel caso lavorino nello stesso posto), salvare le convenzioni sociali, il conto in banca, le vacanze nelle seconde e terze case oppure all’estero, fingendo di essere una coppia da manuale e lasciando parcheggiati i loro rispettivi compagni, che intanto stanno buoni ad aspettare svolte decisive, ove mai ci saranno. Ogni tanto queste relazioni segrete si interrompono per “lavori in corso”, ma questi lavori sono come la Salerno-Reggio Calabria: interminabili. E a questo punto gli amanti si arrabbiano molto e girano i tacchi.

Lo sapevate?

2 commenti
4 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

E’ un po’ come la pubblicità in mezzo a un film. Non fai in tempo a dire “ricomincia il film!” che compare un adesivo per dentiere, oppure l’auto che sfreccia di notte fra le strade deserte di New York, che tu pensi che se compri quell’auto il traffico sparirà. No, non sparisce.

Così il cambio di stagione. Non fai in tempo a finirlo, che devi ricominciare. Ma se ci fate caso riguarda solo quello prima dell’estate. Cioè, a me succede che arriva fine ottobre, anche novembre e penso che sembra ieri che avevo tirato fuori i costumi da bagno, i sandali, i vestiti colorati e la protezione solare alta. E invece ho tra le mani golfini di mezzo peso per l’autunno, maglioni pesanti, cappotti e giubbotti.

Ma già così sarebbe facile. Il fatto è, che nonostante il buon proposito di eliminare i capi che non indosso più, al momento di farlo veramente, rimando pur sapendo che non usciranno dalla cabina armadio. E la permanenza dura fino a quando non sono loro a voler andare nell’armadio di qualcun’altra.

Con scarpe e borse non cambia molto. Tempo fa ho contato 63 paia invernali ed estive, divise più o meno equamente fra me e le mie figlie. Con molta riluttanza, dopo approfondita analisi e dopo aver ripassato le conseguenze della separazione, abbiamo ridotto a 57. Solo che nel giro di un mese il 57 era diventato 64. E le borse? Nelle borse c’è un mondo personale che non va perduto. Ecco, questo è un accessorio del quale mi separo solo se devo buttarlo per logoramento. Non regalo borse mie, almeno non quelle a cui sono legata. Questo è quello che accade a casa mia, normalmente. Insomma, credo in tutte le case.

Ma il cambio di stagione primavera-estate 2020 sarà speciale visto il momento che stiamo attraversando. Mai come nel caso del coronavirus, la prevenzione è una cosa assolutamente seria e prioritaria, e si pratica soprattutto restando a casa; ciò nondimeno, il cambio di stagione è necessario, e allora la domanda è: in quale stanza della casa indosseremo i nostri prossimi outfits, da mattina o da sera?

0 commento
5 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

Stare a casa mi è sempre piaciuto. Da ragazza uscivo molto, però poi quando dovevo stare a casa mi accorgevo che mi piaceva parecchio. Nella mia casa di origine eravamo quattro fratelli e due genitori e per molti anni un acquario, per cui non si può dire che fosse una casa silenziosa ma, tant’è, quella era. Alla fine, la possibilità di stare tutti insieme, o di ritagliarsi un momento personale in uno spazio personale, c’era per tutti. Bastava cercare.

Il mio era in camera da letto, che dividevo con le mie sorelle, per la precisione accanto alla finestra. Una poltrona verde scuro (il verde non mi piace) degli anni ’40, con braccioli curvati e uno schienale comodo ed ergonomico, non c’è che dire. Il posto della lettura. In questi giorni di isolamento consigliato e necessario, dovuto alla pandemia per coronavirus, mi è tornato in mente quell’angolo e ho pensato a come sarebbe appropriato in questa situazione.

Però ho anche pensato che magari, questo tempo, potrebbe essere impiegato per tante altre cose, oltre la lettura. Per esempio lavorare ai ferri: c’è ancora qualcuno che lavora ai ferri? E’ una delle cose che di tanto in tanto mi dico che devo ricominciare a fare, e poi rimando. Dipingere o disegnare: questo è più comune ma io per esempio, non sono capace. Cucinare ricette nuove: la scusa per mangiare è sempre valida. Imparare poesie per esercitare la memoria: agli uomini suggerisco Pablo Neruda (funziona sempre se volete colpire la donna della vostra vita); alle donne, David Sylvian (fidatevi). Imparare una lingua straniera o ripassare quella studiata a scuola. Guardare dei film. Svuotare i mobili ed eliminare ciò che non serve più, anche se per me il distacco dagli oggetti non è esattamente una passeggiata.

Farsi fotografare: è più divertente che farsi gli autoscatti. Ballare: le mie figlie lo facevano con la nonna materna, prima di questa pandemia. Ricominceranno quando sarà finita.

Fare dei corsi su internet, ma solo corsi validi e seri. Fare qualche telefonata o videotelefonata. Chiedere scusa, se fosse necessario. Lasciare qualcuno. Riconquistare qualcuno. Bere molta acqua: normalmente, se dobbiamo passare molte ore fuori casa non lo facciamo; ora possiamo. Cos’altro?

Oziare e basta.

0 commento
2 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

Credo che sul nostro pianeta i colori siano distribuiti in modo equilibrato. E per fortuna, aggiungo io.

I mie colori preferiti, ex aequo, sono: rosso, bianco e nero. E chi mi conosce sarà d’accordo sul fatto che mi rappresentino. Dicevo, sono i miei preferiti ma in modo circolare, nel senso che non vorrei fare a meno di nessuno dei tre. Tuttavia, ce n’è uno di cui sono gelosa, il rosso. E infatti lo tengo ben nascosto, cioè nascondo la mia quota di rosso fino a che non decido io se e quando tirarla fuori. Per alcune scelte di vita, di cui non voglio scrivere in questo blog, prevale il nero. Lo dico a scanso di equivoci, perché non si sa mai.

Per il bisogno di calma e tranquillità, scelgo il bianco. Il bianco mi rappacifica innanzitutto con me stessa, poi con gli altri. Non che abbia guerre in corso, ma la voglia di lanciare la polvere per starnutire, in faccia a qualcuno, ogni tanto ce l’ho. Il bianco mi riporta a compostezza vittoriana.

Il nero mi concilia la riflessione approfondita, quando lo indosso inizia l’introspezione. Se ho voglia di nero significa che devo raccogliere le idee e possibilmente prendere una decisione. Spesso, per molte persone diventa l’unico colore per l’abbigliamento; personalmente, non faccio scelte monotematiche, mi annoierei.

Il rosso.

Il rosso è vita pura. Per me è cibo, sangue, calore, potenza, libertà, prosperità (secondo i Cinesi, e concordo); non lo associo all’eros (anzi lo trovo un luogo comune), all’aggressività e neanche all’istinto animale, come tradizionalmente avviene in Psicologia. Per me il rosso ha solo valore positivo. Gli attributi che restano li lascio, rispettosamente, agli altri. Il rapporto che io ho con il rosso è esclusivo e non lo condivido con nessuno. E’ mio, punto.

0 commento
6 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

Quando scelgo un argomento, è possibile che non abbia ben chiaro il titolo; può capitare che mi venga in mente a metà del lavoro, oppure che faccia vari tentativi come con i vestiti, davanti a uno specchio. Questa volta, invece, il titolo è arrivato prima, ma per caso durante un caffè e dolcetti, dopo pranzo. Si discuteva su quante palline di mandorle, al cioccolato, mangiare. Ovviamente almeno 2, o 4.

Dunque, a me piacciono molto i numeri pari; il mio giorno di nascita è pari, il 4. Ad anni alterni la mia età è pari. Scherzi a parte, ho davvero questa preferenza che, tra l’altro, ho affinato occupandomi di antiquariato, perché in questo settore, tutto ciò che è stato concepito come coppia, vale di più.

Tornando a me, quando mangio la pasta faccio il bis; la pasta se lo merita e anche io. Se ci penso, anche a colazione: che sia a casa o al bar, dopo aver finito ricomincerei daccapo (e in effetti, qualche volta ho ceduto).

Quando compresi che sarei diventata una mamma, compresi anche che non avrei voluto un figlio unico. Se entro in una libreria, o se compro libri da una bancarella, parto sempre da minimo due. A dir la verità, dall’ultima bancarella ne ho comprato solo uno, ma solo perché tutti gli altri li avevo già. Modestamente.

Ho la stessa tendenza con la bigiotteria, con le piante, a volte con le scarpe, molto spesso con l’abbigliamento. Uno è triste, due è meglio. Tre è competitivo. Quattro è equilibrato. Si potrebbe continuare finché si vuole. Due case (ecco qui non ci sono ancora arrivata) è perfetto. Una per fare esperienza, l’altra per metterla a frutto; oppure una in città e l’altra fuori, una specie di hermitage per il fine settimana, distante dalla città ma non lontanissima.

C’è solo una condizione in cui in numero dispari, ha la meglio su di me. Quando voglio stare da sola, che per me è fondamentale, almeno una volta al giorno, anche solo per pochi minuti. Solo in questo caso vince l’uno. Io.

0 commento
3 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail

Questi due verbi sono strettamente legati, fra loro. Aprire il frigorifero e aprire l’armadio hanno lo stesso scopo. Soddisfare un bisogno. A dir la verità prima del frigorifero e dell’armadio ci sono i negozi di generi alimentari e in negozi di abbigliamento. Quindi già comprare soddisfa un bisogno o un piacere. E il piacere è un bisogno.

Vi è venuto mal di testa?

Dunque, cibo e abbigliamento sono sicuramente compagni dell’uomo dalla notte dei tempi. In comune hanno praticamente tutto: oltre a tenere in vita, consolano nei momenti tristi, arricchiscono i momenti belli, e fanno compagnia nei momenti solitari; entrambi hanno un costo economico e sono molto pubblicizzati. Se sono tipici di un luogo, contribuiscono alla sua popolarità.

Scatenano le nostre emozioni; se siamo troppo magri o troppo grassi, dipende sempre dal cibo o da ciò che indossiamo, mai da noi.

Una cosa che rilevo spesso, riguarda certi luoghi comuni, soprattutto sul vestiario, ma anche sul cibo. Mi viene in mente che qualche anno fa, girava su Facebook un post illustrato in cui si dichiarava, grossomodo che: “c’è chi si incanta davanti alla vetrina di un negozio di abbigliamento, io davanti alla vetrina di una libreria”. Ecco, è una delle cose più retoriche e banali che abbia mai letto. E non fa nemmeno ridere. Vestiti e libri non hanno alcuna connessione, fra loro. Si può leggere un saggio sulla metafisica in tuta ginnica, in pigiama o con un bellissimo vestito; si può avere tra le mani un pessimo libro e addosso una camicia bianca con un paio di jeans: la sostanza di ciò che leggiamo non cambierà, così come il gusto per quello che abbiamo addosso, mentre leggiamo.

I luoghi comuni sul cibo, invece, riguardano fantasiose regole a tavola, che in qualche caso hanno trasformato persone comuni in autorevoli nutrizionisti, della domenica.

E così, concludo richiamando alla mia e vostra memoria, Audrey Hepburn che in una ancora assonnata New York, mangia un croissant, sorseggia un cappuccino, e guarda la vetrina della gioielleria Tiffany con indosso un abito nero e fili di perle, che da sola basta a zittire qualsiasi stereotipo. Giusto?

0 commento
3 FacebookTwitterPinterestLinkedinTumblrRedditStumbleuponWhatsappTelegramLINEEmail
Nuovi post